LIBERI DI RACCONTARE, PRIMA EDIZIONE

“Liberi di raccontare” è una web series prodotta dall’ Unione Camere Penali Italiane e Pmg Italia srl Firenze, con il patrocinio del Ministero della GiustiziaLe telecamere di Liberi di Raccontare, con la collaborazione delle delegazioni locali dell’Unione Camere Penali (l’Associazione degli avvocati penalisti), varcheranno da Nord a Sud i cancelli degli istituti penitenziari della penisola italiana,  incontrando i detenuti e gli operatori di giustizia per dar loro voce sul sistema detentivo italiano. Padri, madri, figli, cittadini stranieri, tossicodipendenti, giovani e anziani sono loro i  volti dei  protagonisti della serie. Ogni puntata affronta un tema della giustizia penale di cui il grande pubblico sente parlare spesso senza tuttavia comprenderne genesi e conseguenze.

Intervistato1

Si parte affrontando, nel primo episodio,  il tema del sovraffollamento carcerario .
3 metri quadri da condividere con altre due persone. Questo lo spazio a disposizione dei detenuti nelle celle della casa circondariale di Sollicciano per 22 ore su 24. Il tasso di sovraffollamento nel carcere fiorentino supera il 110%, gli episodi di autolesionismo sono all’ordine del giorno, il numero di suicidi ogni anno tra i più alti d’Europa. La Toscana, nel 1786 la prima ad abolire la pena capitale, patria di Cesare Beccaria, è teatro del dramma del sovraffollamento detentivo.

Image1

 

Liberi di Raccontare, la serie completa